Il governo che verrà…

Alea iacta est avrebbe urlato GiulioCesare al passaggio sul Rubicone.

In Italia questa frase la si può menzionare già da tempo,data la situazione abbastanza critica in cui versa tutto il paese già da 5 o 6 anni.
Sciogliendo ogni riserva si è arrivati alla “salita”(non più la discesa) in politica dell’ex presidente del consiglio, del governo tecnico, Mario Monti.
La notizia era già nell’aria da tempo, ma a sciogliere la riserva sulla sua decisione è stato lo stesso Monti che , tramite il social network Twitter, ha fatto intendere di voler “istruire” nuovamente la scena politica.
Una presa di posizione netta che cozza quindi con il recente passato del professore e con tutto quel periodo in cui lo stesso Monti aveva dato ad intendere la sua posizione di neutralità politica.
Già precedentemente Monti aveva incassato la fiducia di gran parte dello schieramento centrista, con l’aggiunta ai già presenti Casini e Cesa, dell’ex ministro alla cooperazione ed integrazione Riccardi e dell’imprenditore Montezemolo. Insieme ,in un recente incontro istituzionale, hanno discusso sulla possibilità di costruire un’alternativa ai due schieramenti agli antipodi (PD e PDL) e costituire un unico polo dei moderati.

Ma da cosa nasce tutto questo consenso nei confronti di Monti e nei confronti di un governo che fino a pochi giorni fa lo stesso professore ha guidato?
Alla base di tutto questo consenso c’è sicuramente un aplomb montiano impeccabile, figlio di una dimistichezza rigorosa nei salotti “istituzionali” che hanno fatto del professor Monti una persona considerata lodevolmente per il suo “tecnicismo” maniacale. In Europa era conosciuto già prima del suo insediamento a Montecitorio, mentre in Italia quando si vociferava una sua possibile scelta, da parte del presidente Napolitano, non lo si conosceva molto, tranne per i più informati che ricordavano dell’investitura a Commissario Europeo da parte di Silvio Berlusconi, esperienza poi ribadita dal governo successivo.
Per quanto riguarda la sua “salita” in campo, sono state diverse le reazioni da parte della componente politica, e diverse a seconda della fazione di appartenenza. Bersani si è limitato ad un “Aspettiamo di vedere dove si collocherà”, che sembra voler indicare una sua vena polemica nei confronti di quella neutralità tanto osannata dal governo Monti, neutralità che di fatto si annullerà nel momento in cui la fazione politica,di nuova fattura, si legherà in coalizione con uno o con l’altro polo. Il Pdl invece ha gridato al vulnus istituzionale, sempre sulla base della neutralità spezzata da questa sua “salita” in politica.
Tra pochi giorni sicuramente si conoscerà il futuro di questo nuovo schieramento moderato, che date le premesse si viene a delineare come l’ago di quella bilancia politica, che ha sempre contraddistinto la politica italiana. I moderati infatti hanno sempre rappresentato una componente molto nutrita di ex socialisti e democristiani, che attraverso le loro adesioni ambigue contribuivano al grado di incertezza dei vari governi che si sono succeduti.
Non ci resta che aspettare e guardare il lento svolgersi delle pratiche politiche comuni ad ogni fazione durante la campagna elettorale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

antea.r

.. tu m’as donné ta boue et j’en ai fait de l’or.

Senti, mento.

Cambio più umore che mutande.

Lorenzo Manara

Scrittore di romanzi con il cassetto pieno.

lestercromarty

The greatest WordPress.com site in all the land!

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

●○•°La mia mente è un turbinio di parole sparse che cercano un senso°•○●

La notte porta consiglio

“Leggere è niente: il difficile è dimenticare ciò che si è letto” (Ennio Flaiano)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: