Habemus Papam : Considerazioni di un fedele laico.

13 Marzo 2013, ore 19.05 , il comignolo che affaccia su Piazza San Pietro ha sbuffato copiosamente fumo bianco, estasiando la folla che assisteva all’ennesimo evento storico, precisamente il 266°, della Santa Chiesa Romana. È stato eletto dopo il 5° scrutinio l’arcivescovo dell’arcidiocesi di Buenos Aires Jorge Mario Bergoglio, di chiare origini italiane (Piemontesi, n.d.a.). In barba ai vaticanisti che non l’avevano considerato tra i “papabili” al trono Vaticano,se non nelle fasi finali del 5° scrutinio. Eletto dopo essere stato in competizione già all’ultimo Conclave, nel 2005 appunto,che però gli preferì l’attuale emerito Pontefice Ratzinger.
All’annuncio del “Annuntio Vobis gaudium magnum: Habemus Papam!” è seguito il messaggio della scelta del novizio Papa di designare per il suo mandato, l’appellativo di Francesco. Un nome che evidentemente richiama allo spirito caritatevole di cui si deve vestire il nuovo Papa, investito dell’arduo compito di guidare la Chiesa Romana fuori dalle intemperie che l’hanno investita in questi anni e per le quali, presumibilmente, il suo predecessore ha abdicato. Francesco, al secolo Jorge Mario Bergoglio, appartiene all’ordine dei gesuiti, lo stesso a cui apparteneva il compianto Carlo Maria Martini e proprio per questa sua appartenenza è il primo Pontefice gesuita e sudamericano della storia della Chiesa Cattolica.
La prima impressione, nel varcare la balconata della Basilica che affaccia sull’infinita Piazza San Pietro, è di essere dinanzi ad un uomo semplice, dai modi cortesi e che conosce benissimo il peso dell’incarico di cui è stato insignito. Esordisce, con naturalezza e cordialità al fiume umano che è raccolto ed assorto per la sua presenza e che lo acclama. Stempera la tensione di questi giorni e del momento con una battuta che sottolinea come i suoi fratelli riuniti nel Conclave abbiano scelto un erede del soglio pietrino pescando nella lontana Argentina (“Alla fine del mondo” n.d.a.). Dopo aver ringraziato ed invitato i fedeli di raccogliersi in preghiera sia per il papa emerito Ratzinger che per il nuovo Pontefice, rappresentato dalla sua persona, ha proseguito con il rito cerimoniale della benedizione.
Intanto Domenica, ci sarà il primo Angelus di Papa Francesco, notizia confermata dal portavoce della Santa Sede Federico Lombardi, che inoltre ha aggiunto che la scelta del nuovo Papa si conforma come una risposta dei vescovi  alle illazioni,gratuite e crudeli dei giornali, che dipingevano il Conclave come un campo di battaglia tra gruppi di potere. Sicuramente la scelta del nuovo Papa, di ornarsi dell’appellativo francescano, ha richiamato nei fedeli all’immagine comune del “poverello” di Assisi, che assorto in preghiera nella chiesa di San Damiano, ascoltò la voce del Crocifisso che per tre volte gli disse: «Francesco, va’ e ripara la mia casa che, come vedi, è tutta in rovina».
Questa scelta quindi è maturata nel tentativo, del nuovo Pontefice Francesco , di riportare la Chiesa Cattolica sul piano che gli compete, quello dei sermoni, quello del pulpito, spostando l’importanza della vocazione cattolica verso la primordiale predisposizione della carità, tassello principale dell’azione francescana. Resta da capire se la scelta del nome è ricaduta sul “poverello di Assisi” per una lettura cinica dei desideri dei fedeli, anticipando addirittura anche ciò che si chiede alla politica nostrana, oppure è stata una scelta consapevole per riformare una Chiesa che negli ultimi anni, soprattutto durante il Pontificato Ratzinger, è stata protagonista in negativo di numerosi scandali.

Cibal

Annunci

2 responses to “Habemus Papam : Considerazioni di un fedele laico.

  • ombreflessuose

    Gli scandali erano in” voga” anche con Giovanni Paolo II che, sapeva bene
    come tenerli a distanza (parere mio, ovviamente)

    Il nuovo Papa scegliendo il nome Francesco (in onore del Santo poverello d’ Assisi) ha voluto iniziare con una nuova prima pietra la riparazione di questa chiesa derelitta e peccatrice

    Grazie mille
    Un sorriso
    Mistral

    Mi piace

    • cibal

      Sicuramente Mistral. Però potrebbe anche essere una scelta per coprire con il vello della carità quello che non si può “riparare”. Io spero che tutto questo finisca, perchè la Chiesa deve dimostrare di essere diversa. Certo sono uomini anche loro, ma sono uomini insigniti del compito di guidare gli altri uomini. E loro devono essere i primi a tentar di cambiare le cose, se non cominciano loro a cambiare il corso degli eventi allora possiamo dire che non c’è più speranza per noi.
      Grazie per il passaggio, un Saluto 😉

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

antea.r

.. tu m’as donné ta boue et j’en ai fait de l’or.

Senti, mento.

Cambio più umore che mutande.

Lorenzo Manara

Scrittore di romanzi con il cassetto pieno.

lestercromarty

The greatest WordPress.com site in all the land!

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

●○•°La mia mente è un turbinio di parole sparse che cercano un senso°•○●

La notte porta consiglio

“Leggere è niente: il difficile è dimenticare ciò che si è letto” (Ennio Flaiano)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: