È davvero giunto il tempo del tramonto delle ideologie?


Nella selvaggia giungla politica
è molto facile il richiamo ad ideologie passate oppure a personaggi carismatici che hanno legato alla loro personalità un periodo storico abbastanza controverso. Nel tempo che ora stiamo vivendo, accade spesso di assistere ad un utilizzo smodato di alcuni termini, scelti oculatamente, per richiamare a sè l’attenzione di un elettorato ancora troppo legato ai fasti o alle rovine del passato. È uno strumento particolarmente in uso tra le personalità che puntano maggiormente alla comunicazione per meglio colpire chi li ascolta.
Ora con l’avvento del Movimento 5 Stelle si sta assistendo al lento degrado, quasi alla scomparsa, in Italia di un’ identità individuale e del senso di appartenenza ad una o all’altra ideologia, che sia di destra o di sinistra, che sia liberista o socialista, che sia fascista o comunista, ogni ideologia è messa al bando in nome della cooperazione tra punti di vista differenti.

Ma è proprio così?

Per ideologia, si intende generalmente , un’insieme di opinioni, di visioni del mondo che si vive o che siano giunte a noi tramite ogni forma di trasmissione culturale (libri, riviste, documenti, n.d.a. ); questa è una delle tantissime connotazioni che il termine ideologia assume sia storicamente che analiticamente. Ovviamente come trasmesso a noi dalle fonti storiche , il termine ed il suo utilizzo si devono principalmente all’opera “L’ideologia Tedesca” redatto da Marx ed Engels (anche se il primo ad utilizzarlo è stato Destutt de Tracy).
Quando parliamo di ideologia in genere assumiamo per tale ogni concezione, ogni punto di vista, che un determinato individuo assume, forma, apprende lungo tutto l’arco la sua vita. Nella storia umana, le ideologie che si sono contrapposte, spesso e volentieri anche violentemente, sono davvero tantissime. Nonostante il numero ingente di ogni ideologia legata all’essere umano, sono altrettante anche le analisi, le critiche costruttive e non, di ognuna delle tante con valutazioni ,accompagnate da tesi verificate da parte di studiosi eminenti. Solo negli ultimi vent’anni si è assistito all’emergere di nuove ideologie, che partendo dalle basi del passato si sono modernizzate ed hanno sfruttato gli attuali strumenti di comunicazione per poter essere diffuse sul territorio nazionale. Però nelle nuove generazioni, come se fosse un atteggiamento di moda, sta iniziando ad evidenziarsi un sostanziale rifiuto, non una sorta di sub-cultura ma una sorta di contro-cultura, di tutto ciò che è rappresentato dalle solide strutture (nel senso di traguardi) , costruite e raggiunte fino ai giorni d’oggi , dell’uomo.
Gli ultimi accadimenti politici, italiani e non, fanno pensare ad una sorta di tramonto dell’ideologia classica, che rimanda a punti fermi del pensiero umano. Non a caso, i nuovi eletti del Movimento 5 Stelle in Italia, che si professa come un Movimento in contro-tendenza rispetto ai partiti tradizionali, rigettano ogni loro collocazione in aree ideologiche pre-impostate, rimandando ai concetti ed ai principi della cooperazione e dell’unità di intenti, un vessillo, un cavallo di battaglia che sicuramente ha contribuito ,dall’alto dei loro palchi, ad aumentare i consensi.

Ma davvero il non-richiamo ad ideologie preconfezionate storicamente può, in termini di progettualità futura, dare un senso a ciò che connota le azioni umane e quindi anche quelle politiche?

A mio avviso si dovrebbe fare,soprattutto oggi, una cernita ben meticolosa tra “le cose di sinistra” e ” le cose di destra“. Non si può mischiare nel calderone della comunicazione politica frasi ad effetto, del tipo “Non esiste più la destra,né la sinistra“, frasi che certamente in un momento storico e di debacle sul piano sociale ed economico come questo, che investe il nostro paese, possono catturare di più l’attenzione dell’elettorato.
Capisco che la situazione italiana dovrebbe davvero far pensare che nell’ultimo ventennio, ci si è affidati di più all’interesse effimero e materiale del Dio Denaro che al richiamo a principi ideologici d’appartenenza,non parlo nemmeno di quella militante, quella nuda e cruda, ma quella basata sulle idee, quella basata su dei concetti fondamentali della natura umana, quelli che insomma ti fanno pensare e conseguentemente progettare,creare.
La lontananza reale,non d’idee, della politica nostrana ha portato, in maniera almeno un poco giustificata, ad un sentimento di rifiuto totale verso tutto ciò che potesse rimandare alla parola ideologia. Una parola priva di contenuto per molti giovani d’oggi, ma che con sangue, con idee e desiderio è stata riempita dai nostri predecessori storici, quelli che si vestivano di rosso non perché era moda, non perché qualcuno ce lo imponeva, non per sfregio a chi si vestiva di nero, ma perché si credeva realmente in ciò che si faceva e non importava tanto cosa potesse portare ciò che si faceva, lo si faceva e basta, perché era giusto, era passione, era credo. Due parole, forse una, vuote oggi, ma tracimanti prima. Anni fa, tanto, troppo tempo fa.

Cibal

Annunci

6 responses to “È davvero giunto il tempo del tramonto delle ideologie?

  • Natale De Gregorio

    Il non utilizzo delle ideologie, il non schierarsi del M5S, per me è catalogabile, paradossalmente, in un’altra ideologia: il populismo. E, visti corsi e ricorsi storici, sappiamo bene dove può portare.

    Mi piace

    • cibal

      Bhè per certi versi sono d‘accordo con te.Però non riesco,oggi, a concepire il populismo come un‘ideologia ma piuttosto lo considero un atteggiamento temporaneo che annienta le ideologie,tutte senza distinzione alcuna. Oggi il populismo si conforma solo nel momento della protesta accesa verso il mondo politico,senza appunto distinzioni.Nel momento della progettualità,il populismo a mio avviso cessa d‘essere, perché non si rifà a nessuna corrente specifica e quindi seppur avendo idee d‘intenti deve confrontarsi con la realtà che evidentemente è diversa da quella realtà delle cose che denuncia prima.

      Mi piace

  • Natale De Gregorio

    Sono d’accordo a metà, credo che il governo Berlusconi insegni tante cose, ha distrutto la destra in Italia proprio in nome di quel populismo e dei suoi interessi personali. Ha governato 11 anni con un’approssimazione figlia del nulla cosmico, politicamente parlando. Il fatto che agli italiani sia rimasto solo il voto di protesta è sintomatico, il populismo potrebbe presto sfociare in forme di governo totalitarie, è paradossale ma io la vedo così.

    Mi piace

    • cibal

      Che il populismo possa sfociare in totalitarismi è una possibilità già mostrata dalla storia. Basti vedere il movimento nazionalsocialista(nazista) in Germania, il Pnf in Italia ed il comunismo bolscevico in Russia, per non parlare della Cina e di altre realtà storicamente date. Nelle democrazie occidentali, l’eventualità remota che questo possa accadere, oggi, è da escludere a mio avviso. Che Berlusconi abbia annientato la destra è palese, ma a quanto pare è riuscito anche ad annientare la sinistra, o forse si è auto-annientata. Il problema del berlusconismo è che un pò si distingue dal becero populismo perchè lo ha vestito innanzitutto di un’istituzionalità, quindi l’ha legittimato, cosa che nonostante l’entrata in parlamento, non sta accadendo al M5S, ma poi ha creato ,prima di scendere in politica, il campo dove di lì a poco avrebbe avuto lo scontro con gli avversari, ossia il campo mediatico, dove purtroppo per noi lui ne sa più di tutti. Quindi il berlusconismo è più che un populismo, è una sorta di regime ideologico onnipervasivo. È sì vero che anche Grillo sta utilizzando la “rete” per la sua propaganda ma proprio perchè in Italia c’è un forte tasso di analfabetismo ancora persistente, ha la difficoltà di essere onnipervasivo(altrimenti prendeva a mio avviso il 60%) e quindi la televisione (negli anni d’oro ) è stata lo strumento perfetto per indottrinare la nostra popolazione.
      Comunque mi fa piacere commentare con te\lei di questo mio articolo. Tra l’altro te\lei sei\è il primo che ha commentato un mio articolo e quindi mi fa ancora più piacere. Grazie mille.

      Mi piace

      • Natale De Gregorio

        Puoi darmi del tu, ti seguirò. Spero tu possa fare lo stesso partecipando e commentando. Fanno sempre piacere pareri esterni.

        Mi piace

      • cibal

        Assolutamente. Interagire è la prima cosa da fare se si è sostenitori della cooperazione come soluzione a tutti i mali =)

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

antea.r

.. tu m’as donné ta boue et j’en ai fait de l’or.

Senti, mento.

Cambio più umore che mutande.

Lorenzo Manara

Scrittore di romanzi con il cassetto pieno.

lestercromarty

The greatest WordPress.com site in all the land!

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

●○•°La mia mente è un turbinio di parole sparse che cercano un senso°•○●

La notte porta consiglio

“Leggere è niente: il difficile è dimenticare ciò che si è letto” (Ennio Flaiano)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: